Superato il tetto dei 10mila periodici

Superato il tetto dei 10mila periodici

Con l’acquisto di centrotrenta raccolte di rarissimi periodici emiliani dell’Ottocento e del Novecento l’Emeroteca Tucci ha superato ampiamente il traguardo dei diecimila titoli di giornali e riviste italiani e stranieri posseduti. Molti dei quali conservati in maniera esclusiva in tutta Europa. L’ultimo colpo è stato messo a segno sul mercato librario di Parma grazie all’antiquario ottantenne Ivo Ferraguti, legato da antica amicizia ai bibliofili napoletani per aver lavorato, da giovane, per oltre un decennio in un ufficio tra Portici e Bellavista. Tutti i giornali ceduti alla «Tucci» mancano alle biblioteche della Campania e undici sono sconosciuti a tutte le biblioteche italiane censite dal Ministero dei beni culturali. Si tratta di «Il Soldato dell’Indipendenza» del 1859, «Vedetta e Presente» del 1879, «La Bandiera» del 1888, «Il Viandante» del 1899, «Commessi di Commercio in Bologna» del 1902, «Città di Bologna» e «La Cronaca del Comune» del 1903, «La Cronaca» del 1909, «Comunaleide» del 1911, «La Bomba comica» del 1946. La collezione dei periodici emiliani custodita nelle sale del Palazzo delle Poste di Napoli era già ricca di circa duecento testate, delle quali almeno cinquanta mancanti perfino alle numerose e importanti biblioteche dell’Emilia-Romagna. Il Patrimonio della Tucci si è, negli ultimi anni, arricchito anche di testate di prestigio straniere, molte delle quali rarissime (esposte fino allo scorso settembre nelle sale dell'Emeroteca per la mostra sulle esclusive).

pubblicato il 14 ottobre 2019 Torna all'elenco